Wednesday, December 24, 2008

Wide Christmas

© AP

Divagazione ovvia (e un po' pigra) sul Natale, ma comunque un'occasione per dare un'occhiata alle centinaia di gustose immagini natalizie dal paradiso fotografico di Shorpy. Alberi di Natale carichi all'inverosimile, party aziendali, foto di famiglia e molto altro. E per tutti coloro che pensano che le cose non sono più come una volta, ecco una piccola conferma che so apprezzeranno.

Wide Christmas, 1920

Pretty obvious (and lazy) post about Christmas Holidays, but still a chance to surf through hundreds of delicious Christmas pictures from wonderland of tasty photography Shorpy. Packed Christmas trees, great Office X-Mas Party, family photos and a lot more. And for all those who are deeply convinced that things aren't like they used to be anymore, here's a nice present I know they'll love.

Dickey Christmas tree, 1923


Saturday, December 20, 2008

Weekend Flick

Bamako, Abderrahmane Sissako, 2006


Narrativa fotografica

© Dorthe Altrup

"Il luogo esprime la personalità e l'attuale situazione degli individui fotografati quanto i loro stessi gesti [...] L'ambiente funziona come un indicatore di alienazione."

Il testo introduttivo di Dorthe Altrup è quasi una dichiarazione giurata che illustra l'intento profondo delle sue immagini. Tra i suoi set-up ci sono delle immagini molto belle, con quel senso di mistero cinematografico che fa sembrarle come momenti (e non fotogrammi, che è diverso) di un film che non abbiamo visto.
La messa in scena di ritratti ambientali è sempre il frutto di un delicato equilibrio, e a volte nel lavoro della Altrup sembra che l'inquadratura, la luce, la direzione degli 'attori' e tutto il resto del 'profilmico' non si fondano del tutto in una cosa sola. Quando un'immagine non riesce a nascondere i suoi segreti, perde un po' della sua magia: invece di avere la sensazione di esplorare nei minimi dettagli la scena di un film ci si trova semplicemente a osservare tutti gli elementi che fanno l'allestimento di una fotografia.

© Dorthe Altrup

"The location suggests as much about the personalities of the characters within the frame, and their current situation, as do their gestures [...] The environment works as an indicator of alienation."

Dorthe Altrup's statement almost sounds like a sworn declaration, shedding light on her overall artistic intent. Her staged portraiture has quite some beautiful images, with that kind of cinematographic mysteriousness that make them look like moments (and not stills, it's different) from a movie we never saw. Yet there's a delicate balance to deal with when staging environmental portraits, and sometimes my feeling is that composition, lighting, direction of the 'actors' and all the other 'profilmic' elements sometimes fail to fully merge one with the other. When an image cannot hide its own secrets, then it loses some of its magic: instead of giving you the feeling of carefully observing every single detail of a movie scene, you just find yourself studying all the different elements ofthe set-up of a picture.

© Dorthe Altrup


Friday, December 19, 2008


Vale Abraão, Manoel De Oliveira, 1993

"La natura è molto capricciosa e dà a alcuni ciò che toglie a altri. Mi sembra di essere ammirato più per la mia età che per i miei film, dei quali, brutti o belli che siano, sarò sempre responsabile. Ma della mia età non sono responsabile."

Il regista portoghese Manoel De Oliveira ha compiuto 100 anni l'11 dicembre scorso. Il più anziano regista in attività al mondo, ha realizzato più di 40 film e alcune tra le sue migliori creazioni sono degli ultimi venti anni (cioè dai suoi 80 anni in poi). Al momento sta lavorando a due nuovi film, ragion per cui ha passato il giorno del suo compleanno sul set.

Nel video qui sotto De Oliveira sta ballando con la compagnia di danza Sweet and Tender a Mosteiro in Portogallo, l'anno scorso.

“Nature is very capricious and gives to some what it takes from others. I see myself being more admired for my age than for my films, which, being good or bad, will always be my responsibility. But I am not responsible for my age.”

Portuguese film director Manoel De Oliveira turned 100 on December 11, 2008. The oldest active film director in the world, he made more than forty films along his career, with some of his best achievements realized in the last twenty years (that is to say what he did from the age of 80 and on). He's actually working on two new movies, and he spent his birthday on the set.

The video above shows him dancing last year with the Sweet and Tender dance company in Mosteiro, Portugal.


Monday, December 15, 2008

Duck & Cover (or The Farewell Kiss)

© Ap Photos/APTN

Molti di voi avranno sentito della visita a sorpresa di George W. Bush ieri a Baghdad:

"This is a farewell kiss, you dog", ovvero "Questo è il tuo bacio d'addio, cane", è l'insulto che il giornalista iracheno ha gridato oggi al presidente statunitense George W.Bush - poco dopo la stretta di mano in conferenza stampa congiunta con il premier Nour Al Maliki - mentre gli tirava dietro le sue scarpe, una dopo l'altra, con una certa violenza" (altre foto qui).

Sembrano immagini prese dall'ultimo libro di Alison Jackson, un finale di presidenza davvero notevole. Mi chiedo come sarebbe stata la scena se una delle scarpe avesse centrato il bersaglio.

© Ap Photos/APTN

As most of you will know, "on a whirlwind trip shrouded in secrecy and marred by dissent, President George W. Bush on Sunday hailed progress in the wars that define his presidency and got a size-10 reminder of his unpopularity when a man hurled two shoes at him during a news conference in Iraq.

'This is your farewell kiss, you dog!' shouted the protester in Arabic, later identified as Muntadar al-Zeidi, a correspondent for Al-Baghdadia television, an Iraqi-owned station based in Cairo, Egypt. 'This is from the widows, the orphans and those who were killed in Iraq'." (here)

These stills look like they were taken from Alison Jackson's last book. Quite an end of presidency, I wonder how the scene would have looked like if one of the shoes had hit the target.

© Alison Jackson


Saturday, December 13, 2008

Weekend Flick

Lektionen in Finsternis, Werner Herzog, 1992


Wednesday, December 10, 2008

L'eterno ritorno

August Sander, Self-Portrait Playing the Lute, about 1940-1944

La galleria Danziger Projects di New York ospita in questo periodo una mostra collettiva dal titolo Sander's Children, uno sguardo "sull'importante e consolidata influenza di August Sander su molti altri fotografi". La mostra presenta lavori di Diane Arbus, William Egglestone, Rineke Dijkstra, Albrecht Tubke e molti altri. Si tratta di una bella occasione (sia che possiate andarla a vedere, sia usandola come punto di partenza) per tornare al vecchio dibattito su questo gigante della storia della fotografia, su ciò che è stato etichettato come "fotografia tedesca", lo stile deadpan e su quanto il lavoro di qualcuno che ha vissuto nella prima metà del secolo scorso appaia così connesso alla fotografia contemporanea.

"Non mi interessa fare banali fotografie come quelle dei grandi e eleganti studi in città, ma piuttosto ritratti semplici e naturali, che mostrino i soggetti in un ambiente che corrisponda alla loro personalità".

Quale segreto della fotografia aveva scoperto quest'uomo, così cruciale da vivere ancora quasi cento anni dopo? Quale formula si nasconde nelle sue immagini, che molti hanno utilizzato dopo di lui e nessuno prima? Perchè così tanti ancora si ispirano al suo stile, al punto che si può ancora considerare come una delle tendenze più diffuse (!) della fotografia contemporanea?

Buon lavoro...

Danziger Projects in New York recently opened a group exhibition called Sander's Children, a look "at the significant and acknowledged influence August Sander has had on many photographers". The show features works by Diane Arbus, William Egglestone, Rineke Dijkstra, Albrecht Tubke and many others. It is a great chance (either if you can go see it or as a starting point in making some photographic comparative studies) to go back to the great old debate about the work of this titan of the history of photography, what has been labeled as "German photography" in general, the deadpan style and how the art of someone active in the first decades of last century is so connected to contemporary photography.

"I am not concerned with providing commonplace photographs like those made in the finer large-scale studios of the city, but simple, natural portraits that show the subjects in an environment corresponding to their own individuality."

What secret of photography did he discover, so crucial it almost never disappeared in almost a hundred years ago after him? What formula was hiding itself in his images, that so many used after him and nobody before? Why so many keep using his style even today, to the point that it can be considered one of the most diffused (!) trends in contemporary photography?

Good work...


Tuesday, December 9, 2008

All American

Burk Uzzle, Desert Prada, Texas, 2005

"It's now come to the point where I personally believe I'm being had. It's hard for me to look at what's happening and not conclude that your bosses have decided to systematically screw the photographers. What is the value standard that is at work here? How can this not lead to a progressively more shallow magazine? How can I want to go the extra mile for such people?

I just don't want to go along with it any more. I want to be paid fairly for my work. Just as I bring honor to your pages by investing my talents, and experience, and caring - I feel it is only right that you should fairly honor my abilities and commitment to fine work.

And I really don't like having to conclude that management people, thinking only with their calculators, are taking advantage of the vulnerability of young, naive photographers that have not figured out that they and their careers are being sold down the river.

Let's all get through this bad time, and start growing again".

This is what Burk Uzzle wrote in 2001 to Newsweek (source), turning down an assignment for the above reasons.

Former Magnum member and later two-terms president of the agency, Burk Uzzle (see also here and here) is one of the great storytellers of American life, interested in "small towns and ordinary places", as he wrote himself. His photographs are full of irony and visual strength, paving the road for a lot of photography to come, and even his most recent pictures are absolutely fresh, younger than many works of his generation, wiser than many who came after him.

Burk Uzzle, Cowboy with Pink Eighteen, Wheeler, New Mexico, 2006

His images made me think about another great explorer of the American paradox, Henry Wessel, who completes Uzzle's effort providing us an insight of the 'other' America, the glittering triviality of California.

Henry Wessel, Waikiki, 1985

Questo è quello che Burk Uzzle scrisse a Newsweek nel 2001 (qui la lettera), rifiutando un lavoro per le ragioni sopraelencate.

Membro della Magnum per diversi anni e presidente per due anni consecutivi, Burk Uzzle (anche qui e qui) è uno dei grandi narratori americani, dedito a "piccole città e a luoghi ordinari", come lui stesso ha scritto. Le sue immagini sono piene di ironia e forza visiva, e preparano la strada a tanta fotografia venuta dopo. Anche le sue fotografie più recenti hanno una grande freschezza, più giovani di quelle di tanti della sua generazione, più sagge di quelle di tanti venuti dopo.

I suoi lavori mi hanno fatto ripensare ad un altro esploratore del paradosso americano, Henry Wessel, il quale in qualche modo completa l'impresa di Uzzle dandoci un'immagine dell'altra America, quella della luccicante trivialità della California.

Henry Wessel, Southern California, 1985


Monday, December 8, 2008

Cruel and tender

© Robert and Shana ParkeHarrison

Favole nere che raccontano di un uomo perso in uno strano mondo, dove cerca costantemente di reinventare il suo ruolo preso tra le forze di una natura in continua crescita e movimento, un organismo gigante ma così fragile da poter essere ferito dal più piccolo gesto: Robert and Shana ParkeHarrison (altre immagini qui).

Dark fairy tales telling the story of a man lost in a strange world, where he constantly tries to reinvent his place among the forces of a nature growing and moving around him, a gigantic organism and yet so fragile it can be hurt by the slightest action: enjoy the work of Robert and Shana ParkeHarrison (some more images here).

© Robert and Shana ParkeHarrison


Friday, December 5, 2008

A house is not a home

© Huang Qingjun and Ma Hongjie

Family Stuff è il titolo di un progetto fotografico realizzato dai fotografi cinesi Huang Qingjun e Ma Hongjie sulle condizioni abitative nella Cina contemporanea: le immagini mostrano famiglie in posa fuori delle loro abitazioni, circondate dalle loro cose.
Immagini molto belle e un'idea davvero interessante, ma pochissime tracce sul web (almeno io non sono riuscito a trovare di più, ma neanche il blog di Belen Cerezo dove ho scoperto il lavoro e che ringrazio!).

Family Stuff is the name of a photographic project by Chinese photographers Huang Qingjun and Ma Hongjie on the living conditions of people in contemporary China, showing families outside the place they live in surrounded by their, as the title say, stuff.
Great images, great concept and sadly very few images and informations on the web (at least I was not able to find more, and neither was
Belen Cerezo's blog, where I found out about this work - thanks for the tip!).

© Huang Qingjun and Ma Hongjie


Tuesday, December 2, 2008

Guardarsi indietro

© Loan Nguyen

Loan Nguyen è una fotografa svizzera nata da famiglia vietnamita.
I suoi lavori spesso affrontano il tema della memoria, mettendo in scena o descrivendo il ricercare (o il vivere nell'assenza di) tracce del proprio passato.

Loan Nguyen is a Swiss photographer born from a Vietnamese family. Her works often deal with memory in different ways, staging or depicting the act of tracing back (or living in the absence of) traces of the past.

© Loan Nguyen


Saturday, November 29, 2008

Weekend Flick

Stranger Than Paradise, Jim Jarmusch, 1984.


Friday, November 28, 2008

Where are we

Kudàsz Gàbor, Summit, Pietros, 2003.

Un'altro autore pescato da @600 di mus-mus: Kudàsz Gàbor, con le sue immagini che descriverei come "paesaggi dell'estraneità".

P.S. Giorni fa ho trovato un sito che rimandava a questo blog con le seguenti parole: "Sapete che io adoro il trash-talk all'europea, voi apprezzerete le immagini".

Penso di aver fatto felice questa persona un'altra volta...

Kudàsz Gàbor, Man and son, Kerepesi Cemetery, 2005.

One more pick from the @600 mus-mus gallery: Kudàsz Gàbor, with his images I would dare to call "the landscape of the unfamiliar".

P.S. I recently found a website linking to this blog with the following comment: "You know I love the euro-trash-talk. You will like the pictures".

Guess I made that person happy again...

Kudàsz Gàbor, Safety Light, Városliget (Olaf Palme Boulevard), 2006.


Wednesday, November 26, 2008

In good company

Rome, November 4, 2008.

Questo è ciò che una giornata nuvolosa (poi trasformatasi in quasi tempesta) ha ispirato a me (Fabio Severo) e a Alessandro Imbriaco come nostro contributo a photographers @600, la collettiva online promossa da mus-mus che presenta la serie di singole immagini che 100 fotografi hanno realizzato in tutto il mondo il 4 novembre 2008 (una data un po' particolare, no?) all'orario internet di 600 beats (circa le 14:30 per noi). Lode al clan mus-mus per i loro sforzi nel coordinare e presentare questo lavoro collettivo, andatevi a vedere che elenco sfarzoso di fotografi che hanno messo insieme!

This is what a cloudy day (later turned into some kind of rainstorm) inspired me (Fabio Severo) and Alessandro Imbriaco as our contribution to photographers @600, the online group show promoted by photolovers group mus-mus, showcaswing each single image made by 100 different photographers all over the world on November 4, 2008 (not a day like any other, isn't it?) at internet time 600 beats (which for us was around 14:3o local time). Praise to the mus-mus clan and their great effort in putting all these together, see what a wonderful list of photographers they gathered!


La banalità dei luoghi

© Bert Danckaert

"Qualsiasi idiota può superare una crisi; è la vita quotidiana che ti logora"
Anton Chekhov (1860-1904)

Così recita l'incipit dell'ultimo libro di Bert Danckaert, Simple Present - Beijing, frammenti urbani degli spazi "anonimi e indisinguibili" che compongono quel tutto che siamo abituati a pensare e a vedere come Pechino. Mai vediamo presenza umana in queste immagini, mai uno spicchio di cielo, a malapena possiamo comprendere lo scopo dei luoghi e degli oggetti rappresentati, indizi per risolvere un'enigma impossibile.

“Any idiot can face a crisis; it is this day-to-day living that wears you out"

Anton Chekhov (1860-1904)

This is the opening of Bert Danckaert's last book, Simple Present - Beijing, urban fragments of the "unremarkable, undistinguished" spaces that compose the whole we are used to think and see as Beijing. We never see any kind of human presence, as we never see any trace of the sky in those scenes, we almost never understand the purpose of the objects and the places depicted by Danckaert, like leads towards the solving of an impossible riddle.

© Bert Danckaert

Make Sense! è il titolo del suo primo libro, una sorta di primo capitolo della sua lunga collezione di angoli di spazio che non ci permettono in alcun modo di ritrovare le immagini familiari che possiamo avere di una città. Per quanto Pechino sia una dei luoghi più fotografati degli ultimi anni, niente in queste immagini ci restituisce quegli elementi con cui ci siamo abituati a riconoscere questo simbolo della trasformazione della Cina comtemporanea. Per comprendere davvero le immagini di Simple Present - Beijing è necessario tornare a tutte le immagini che ci hanno mostrato vedute immense di un paesaggio in continuo mutamento, grattacieli che erodono gli spazi della vecchia città e gru che invadono i cieli, per poi tornare a queste piccole scene claustrofobiche con marciapiedi vuoti, blocchi di cemento abbandonati, saracinesche abbassate. Solo alcune immagini ci mostrano di sfuggita dei cantieri sullo sfondo, ma sembrano comunque dei monumenti senza senso, lasciati lì per sempre.

Un Atget della globalizzazione? Forse, ma questo vorrebbe dire che tanto mistero e avventura sono andati perduti da quando il nostro amato flâneur se ne andava in giro per le strade di Parigi. E pure la mia impressione è che Danckaert ci stia nascondendo qualcosa piuttosto che mostrarcelo, quindi penso che ci sia ancora una speranza, perchè posso sempre andare a cercare quello che le sue immagini non mostrano...

Gabriele Basilico ha intitolato Scattered City uno dei suoi libri di ampie vedute urbane, per esprimere "la complessità della città contemporanea", per mostrare come essa "prende e perde forma al tempo stesso": credo che Scattered City sia il titolo perfetto anche per il libro di Danckaert.

© Bert Danckaert

Make Sense! was the title of Danckaert's first book, which was the first chapter of his long-term collection of those corners of space that prevent us from recognizing any familiar image that we can have of a city. Although Beijing was perhaps one of the most photographed places of these last years, nothing in those pictures have those qualities we became accustomed to identify as the symbol of China's transformation as shown in so many photographs. To fully appreciate the images from Simple Present - Beijing, one needs to go back to all those photographs that gave us vast views of an ever-changing landscape, skyscrapers eroding the old buildings, cranes invading the sky and then look again at the claustrophobic small views of empty sidewalks, abandoned blocks of concrete, lowered shop's shutters of Danckaert's photographs.
Only a few images give a glimpse of construction sites in the background, but they still seem like meaningless monuments, left there forever.

An Atget of globalization? Could be so, but that would mean a lot of mystery and adventure got lost since our beloved flâneur was walking back and forth along the streets of Paris.
And yet, my feeling is that, rather than showing, Danckaert's photographs are hiding us something, so I think there's still hope, I can still search for all those things the photographs are not letting me see...

Urban landscape photographer Gabriele Basilico called Scattered City one of his books of wide views of cities around the world, to express "the complexities of the contemporary city", to show how it is "simultaneously taking and losing shapes": my feeling is that Scattered City would be the perfect name for Bert Danckaert's book, too.

© Bert Danckaert


Tuesday, November 25, 2008

Lost in time

© Eva Leitolf

Eva Leitolf mi ha scritto per segnalarmi il suo lavoro e sono molto contento di poterlo menzionare in queste pagine. I suoi progetti sembrano tutti avere a che fare con le tracce (o le ferite) del passato e come esse incidano (o siano nascoste dentro) il nostro presente, che si tratti di episodi di razzismo nella Germania di oggi, del paesaggio di Beirut dopo la guerra degli anni '90 o dell'eredità coloniale tedesca in Namibia.

© Eva Leitolf

Eva Leitolf wrote me to let me know about her work, which I'm really pleased to mention here. Her projects all seem to deal with the traces (or the wounds) of the past that affect (or are hidden inside) our present time, whether she deals with racist episodes in contemporary Germany, the landscape of Beirut after the war in the 90's or the legacy of German colonialism in Namibia.

© Eva Leitolf


Monday, November 24, 2008


© Carlo Corradi

Cos'è che mi porta a guardare più volte le rigorose immagini di Carlo Corradi? Cartelloni stradali vuoti, persi nel buio, vedute del mare che mostrano i segni lasciati (?) dal nuotare di qualcuno. Forse è la sensazione che il sole al tramonto si rifletta su quelle superfici geometriche, forse è la strana idea di provare a lasciare delle tracce sul mare, chissà. Forse ne sapremo di più domani, quando sia lui che il sottoscritto saremo presenti nel debutto di un'interessante collettiva virtuale (in grande compagnia, vedrete). Per il momento continuerò a interrogarmi sulle sue immagini (e sui loro nomi misteriosi, come "Introspection exception, Studio #7").

© Carlo Corradi

What is it that keeps me looking at the strict style of Carlo Corradi's images? Empty street billboards lost in the night, a view of the sea with the signs left (?) by someone swimming inside it. Maybe it's the feeling of the sunset reflecting in those geometric billboards, maybe it's the fascinating idea of leaving a trace on the sea, who knows. We'll maybe find out more tomorrow, when a collective virtual show hosting both him and myself (together with a really great company, you'll see) will open. For now, I'll keep wondering about his images (and their mysterious names, like "Introspection exception, Studio #7").

© Carlo Corradi


Wednesday, November 19, 2008


© Pablo Cabado

Di tutti gli autori interessanti che compaiono su Heading East (un blog da visitare regolaramente, uno dei miei preferiti), devo almeno citarne uno: Pablo Cabado, in particolare il suo lavoro 37˚57’35”S 57˚34’47”W, una sorta di incontro tra topografia e ragioni del cuore (se questa cosa può avere un senso).

Of the many interesting photographers mentioned by Heading East (pay regular visit to this great blog, one of my favourite), I have to pick up one at least: Pablo Cabado, especially his 37˚57’35”S 57˚34’47”W project, topographic photography mixed with matters of the heart (if you get what I mean).

© Pablo Cabado



Ambroise Tézenas, from Theatre of the People.

La notte sembra essere l'elemento naturale per Ambroise Tézenas, come ad esempio dimostra con il suo bel lavoro sui quartieri della vecchia Pechino in via di sparizione (già spariti?), demoliti negli ultimi anni per il rinnovamento della città in vista delle Olimpiadi della scorsa estate.

Ambroise Tézenas, from Theatre of the People.

Ho scoperto il lavoro di Tézenas sul sito della Paris-Beijing Photo Gallery, una galleria dedicata alla fotografia che si trova nel Dashanzi, il 798 Art District della capitale cinese.

Chen Jiagang, Third Front, Stone Striking Water.

La galleria ha come obiettivo principale quello di "creare un ponte fra l'oriente e l'occidente e di iniziare un dialogo libero tra fotografi con diversi approcci e diverse esperienze culturali": la lista degli artisti è impressionante, è davvero raro vedere riunito un gruppo di lavori di così alto livello e che hanno tali risonanze tra di loro unite a delle identità e qualità ben distinte, un catalogo davvero notevole di arte fotografica, dove la bellezza delle immagini spesso si unisce a una reale capacità di esprimere visioni stimolanti della realtà in cui viviamo.

Xiao Chuan, That Space, That Time, 2007.

Night seems to be the natural element for Ambroise Tézenas - as he proved with his beautiful work on the disappearing (disappeared?) old Beijing, demolished in the past years for the town's renovation towards last summer's Olympic games.

Ian Teh, Dark Clouds.

I discovered Tézenas' work on Paris-Beijing Photo Gallery's website, a photographic gallery located in Beijing's Dashanzi 798 Art District. The gallery's statement says their main desire is "to create a bridge between the east and the west and to initiate a free flowing dialogue between photographers with different views and cultural experience", and this is one of those cases where it is actually the truth: the artists list is impressive, it is definetely rare to see such a group of high-quality works, both having strong resonances and quite distinct personalities, a place where you can really see fine art photography expressing great images that can also tell you something about the world you live in.

Floriane de Lassée, New York, 2005.


Saturday, November 15, 2008

Weekend Flick

Les Triplettes de Belleville, Sylvain Chomet, 2003.


Thursday, November 13, 2008

La memoria dello spazio

© Brian McKee

Structural Memory è il nome dell'ultimo lavoro di Brian Mckee: immagini create dalla sovrapposizione di diverse fotografie di edifici realizzate in Libano nel 2006. Componendo le diverse fotografie McKee crea una sorta di storia visiva dei luoghi: l'immagine diventa il luogo dove si consuma il conflitto tra passato e presente, dove ci si chiede come un luogo sarebbe potuto essere e come è stato costretto a divenire qualcos'altro.

© Brian McKee

Ci sono molti esempi di fotografia 'temporale' o 'stratificata' (migliaia di istantanee di uno stesso luogo fuse insieme, tutte le pagine di un libro in una sola immagine e così via), voglio solo fare altri due esempi applicati al paesaggio urbano:

- Michael Wesely, probabilmente il più grande autore di questo tipo di fotografia, con le sue incredibili vedute frutto di esposizioni lunghe anni (si, anni... qui potete leggere un mio vecchio post sul tema del tempo in fotografia).

© Michael Wesely

- Netropolis di Michael Najjar, che in parte ricorda Wesely, ma che è realizzato con la composizione digitale di diverse immagini.

© Michael Najjar

Structural memory is the name of Brian McKee's series of layered images of buildings and constructions made in Lebanon in 2006. By overlapping different images of the same place, Mckee creates the visual history of it: the image becomes the place where the conflict between past and present is consumed, and maybe the way to wonder how a place could have been, or how it was forced to become something else.

There are several examples of time-based or 'layered' photography (thousands of snapshots merged together, all the pages of a book in one image and so on), I just want to make two more examples applied to urban landscape:

- Michael Wesely, perhaps the master of this kind of photography, with his incredible views shot with years (yes, years) of exposure time (read a previous entry of mine about time in photography here - Italian only, sorry).

- Michael Najjar's Netropolis, where he displays a similar visual approach, but digitally composing different images.

© Brian McKee


Tuesday, November 11, 2008

Dark Japanese

© Nobuhiro Fukui

Un altro bell'esempio di fotografia notturna giapponese, il lavoro di Nobuhiro Fukui. Mi chiedo se non sia possibile parlare di qualcosa del genere, visto che il suo stile richiama immagini di altri autori giapponesi: prendete ad esempio il già citato Tomoyuki Sakaguchi o le scene notturne contenute nel bombardamento visivo di Son of a Bit di Uchihara Yasuhiko. Qual'è il legame tra tutte queste immagini? La massa di diversi strati che compone la densità del paesaggio urbano? L'HDR? Effettivamente hanno in comune una particolare sensazione del buio e dell'oscurità, dove è sempre possibile scorgere qualcosa, una sorta di visione più clinica e chiara di quella dell'occhio umano.
Oppure è lo schermo del computer?
A volte mi sembra di non essere in grado di distinguere se un'immagine è fatta con una digitale a buon mercato o con un 20x25... Di nuovo, penso di aver bisogno di guardare più fotografia reale, sulla buona vecchia carta...

© Nobuhiro Fukui

Ho scoperto il lavoro di Fukui attraverso un bel progetto fotografico collettivo che sarà presentato tra poco più di una settimana, quindi non vi rovinerò la sorpresa (ma se sapete dove cercare potete già trovare qualcosa). Anche Hippolyte Bayard sarà coinvolto nel progetto, assieme a stelle ben più brillanti del panorama fotografico, quindi restate in attesa di aggiornamenti!

© Tomoyuki Sakaguchi

Another great example of Japanese night photography by Nobuhiro Fukui. I wonder if there's actually something we can call like that, since his style resonates with other Japanese works I saw: see for example the already mentioned Tomoyuki Sakaguchi or the night shots from the visual bombing of Son of a Bit by Uchihara Yasuhiko. What's the link between these images? The mass of layers creating the density of the different urban landscapes? The HDR? Matter of fact, they share a peculiar quality of darkness, where you can always see inside it, some kind of brighter-than-life vision. Or is it the LCD screen?
Sometimes I feel like I can't tell anymore if an image is cheap digital or 8x10... Again, need to look at more real photography, on good old paper...

© Uchihara Yasuhiko

I found out about Fukui's work thanks to a nice collective photographic project that will be unveiled in something more than a week, so I won't spoil the surprise (but if you know where to look, you'll already find something about it). The project also involves the full original Hippolyte Bayard team, next to much brighter stars of the photographic world, so stay tuned for updates!

© Nobuhiro Fukui