Tuesday, September 2, 2008

Domande a Joni Sternbach

Joni Sternbach, Surfers.

"I don’t know if there’s an alternative photography movement. If so, maybe there also needs to be some guerilla action to take digital photography out of the hands of the market place and into the hands of photographers".


We talked about this and much more with Joni Sternbach, photographer and artist of the wet collodion technique. Enjoy the read!

Di questo e di molto altro abbiamo parlato con Joni Sternbach, fotografa e artista del collodio umido. La traduzione italiana è alla fine del testo in inglese. Buona lettura!

HB - Your work is mainly made with alternative photographic processes. How did you get into this kind of techniques?

JS - I hold Muybridge fully responsible for my interest in historic processes. His studies of the human figure in motion captivated my interest back in the 90’s. I began working with platinum printing, making Polaroid negatives of female figures in silhouette modeled after his motion studies.
These pictures were an entry for me to thinking about where photography began, how women and specifically nude women were represented in art and how the use of props helped to determine gender roles. My use of the silhouette served a twofold purpose. It masked the details of the conventional nude and was a homage to 19th century folk art.

Edweard Muybridge, Athletes in Motion, 1887.

HB - There seems to be some sort of revamp of alternative photography in the past years: Sally Mann, Jerry Spagnoli, Robb Kendrick, to name a few. How did this happen, from your point of view?

© Sally Mann

JS - Some people call it the digital backlash, others find a different kind of detail and beauty in the chemistry and antique lenses. The immediate quality of the collodion process is extremely satisfying. I think it offers something that conventional film does not not. Polaroid does a similar thing. It also has different light and color sensitivities that lend itself to certain kinds of imagery and renders them very differently than typical black and white film.

© Robb Kendrick

HB - One of the interesting things in these techniques is for me the fact that the surface of the image can establish a new kind of relationship with what’s inside it, adding a strong tactile element to the vision, with an emphasis on the perception of the image rather than on the subject of the photograph. What’s your opinion about it?

JS - Making glass or tin plates is a rewarding process. And yes the object itself is amazing and tactile. I think that’s also a tricky thing and one I have many discussions about with other photographers, writers, gallerists and curators As an artist it’s not enough just to make an image that is technically interesting or intriguing. The subject matter and series has to hold up to same standard that any other body of work is held to.

HB - Which is the role of chance in your work, how does it affect the final result?

JS - Collodion has an unknowable and spontaneous quality that makes it exciting and challenging at the same time. Working with raw chemistry in the field lends itself to surprise and possible disaster. Each new batch of chemistry, every new location and different weather conditions all play a role in how the images look.

HB - Your Surfers are like timeless heroes, and this is what I like most of that work: the fact that the tintype and the modern look of the surfers don’t clash one with the other, therefore creating a paradox; they rather make something new together, giving to the human subjects that inner presence often lacking in the so-called deadpan portraits or environmental portraiture, where often there’s a simple subject/background situation. In your portraits I always have the feeling that it’s the whole image that counts.

Joni Sternbach, Surfers.

JS - Thanks. Working with an antique process that makes everything look old has its challenges. I would hope that the combination of technique and subject matter would blend well. I think of these pictures as landscapes that are inhabited, so yes, the whole image does count.

HB - Most part of your work involves the sea, the border between land and water. Your last work, The Salt Effect, is on the contrary a work on the absence (or the disappearance) of water. Can you tell us something about it? Why did you choose to work with mixed technique?

Joni Sternbach, The Salt Effect.

JS - I had an artist in residency in Utah that brought me out west. I applied for it while working on the Abandoned series. It’s a tough terrain and the weather played a huge role in what and when I was able to shoot. Working with collodion outdoors requires certain conditions
(like winds less that 15mph) that film does not.
The salt desert is a dried out lake bed, so the complete opposite or inverse of my previous subject matter. I found that just as intriguing, especially since the mirage effect makes land in the distance look like water.

Joni Sternbach, The Salt Effect.

HB - I also have the feeling that the images progressively got wider throughout your different projects, as if the field of vision broadened, from the Ocean Details to the vast land and sky of some photographs from The Salt Effect.

JS - That’s true. I began working on landscapes with a narrow perspective, focusing on surface and movement as an expression of emotion.

Joni Sternbach, Ocean Details.

HB - Do you feel as some part of a ‘movement’ of alternative photography or do you think that there is no such thing?

JS - I don’t know if there’s an alternative photography movement. If so, maybe there also needs to be some guerilla action to take digital photography out of the hands of the market place and into the hands of photographers.

HB - Is there any photography or authors that you can consider as an inspiration for you?

JS - There are so many artist’s and photographers whose work I admire. Muybridge, Misrach, Vija Celmins, August Sander, just to name a few.

Joni Sternbach, Abandoned.



TRADUZIONE ITALIANA


HB - I tuoi lavori sono realizzati principalmente con tecniche fotografiche antiche. Come sei giunta a lavorare con queste tecniche?

JS - Muybridge è il vero responsabile per il mio interesse nelle tecniche antiche. Dagli anni ’90 ho cominciato ad interessarmi ai suoi studi sulla figura umana in movimento. Cominciai a lavorare con la stampa al platino, realizzando negativi Polaroid di figure femminili in silhouette sulla scia dei suoi studi sul movimento.
Queste fotografie sono state per me una via d’accesso per riflettere su dove è cominciata la fotografia, su come le donne ed il nudo femminile in particolare venivano rappresentati nel mondo dell’arte e su come l’uso di elementi scenici contribuiva a determinare dei ruoli di genere. L’uso della silhouette serviva un doppio scopo: mascherava le caratteristiche del nudo tradizionale ed era un omaggio alla folk art del XIX secolo.

HB - Negli ultimi anni sembra esserci stata una vera e propria rinascita delle tecniche antiche: Sally Mann, Jerry Spagnoli, Robb Kendrick, per fare qualche nome. Quali sono per te le ragioni di questo fenomeno?

JS - Qualcuno la vede come una reazione al digitale, altri trovano nella chimica e negli obiettivi antichi un differente tipo di dettaglio e bellezza. La qualità immediata della tecnica al collodio è estremamente gratificante, penso offra qualcosa che la pellicola convenzionale non può dare. La Polaroid fa qualcosa di analogo. Inoltre possiede differenti sensibilità spettrali e cromatiche, che si prestano a certi tipi di immaginario e li restituisce in modo molto differente dalla comune pellicola in bianco e nero.

HB - Trovo che uno degli elementi interessanti nell’uso di tali tecniche sia il fatto che la superficie dell’immagine può stabilire un nuovo rapporto con ciò che vi è dentro, aggiungendo alla visione una forte dimensione tattile, con un’enfasi sulla percezione dell’immagine piuttosto che sul suo soggetto. Qual’è il tuo pensiero a riguardo?

JS - Realizzare lastre di vetro o di metallo è un processo gratificante, e si, l’oggetto in sé è tattile e stupefacente. Penso però che sia anche una faccenda complicata/scivolosa, su cui ho avuto molte discussioni con altri fotografi, scrittori, galleristi e curatori. Per un’artista non è sufficiente realizzare un’immagine tecnicamente interessante o intrigante, il tema e le sequenze di immagini devono possedere gli stessi standard che si pretendono da qualsiasi altro lavoro.

HB - Che ruolo gioca il caso nel tuo lavoro, quanto può determinare il risultato finale?

JS - Il collodio ha una spontaneità e un’imprevedibilità che sono eccitanti, ed è anche una sfida. Lavorare sul campo con prodotti chimici comporta un elemento sorpresa e anche l’eventualità di un disastro. Ogni nuovo set di prodotti, ogni nuovo luogo e le diverse condizioni atmosferiche giocano tutti un ruolo in come l’immagine finale risulterà.

HB - I tuoi Surfers sembrano degli eroi fuori dal tempo, e questo è forse ciò che amo di più nel tuo lavoro: il ferrotipo e l’immaginario contemporaneo dei Surfers non entrano in conflitto, creando un semplice effetto-paradosso; al contrario creano insieme qualcosa di nuovo, le figure umane emergono con una qualità direi interiore che a volte manca nel cosiddetto ritratto deadpan o nel ritratto ambientale, dove tutto può ridursi ad una semplice dinamica di soggetto e sfondo. Nei tuoi ritratti la sensazione è che sia sempre la totalità dell’immagine ciò che conta.

JS - Grazie. Lavorare con una tecnica che fa sembrare ogni cosa antica comporta delle sfide. La mia speranza è sempre che la combinazione di tecnica e soggetto si fondano nel modo giusto. Penso a queste immagini come a dei paesaggi abitati, quindi si, è l’immagine nel suo complesso che conta.

HB - La maggior parte dei tuoi lavori ha a che fare con il mare ed il confine tra terra e acqua. La tua ultima serie, The Salt Effect, al contrario sembra mostrare l’assenza (o la scomparsa) dell’acqua. Puoi dirci qualcosa a riguardo? Come mai hai scelto di lavorare con tecnica mista?

JS - Ho fatto una residenza artistica nello Utah che mi ha portata ad Ovest, ho fatto domanda mentre stavo lavorando alla serie Abandoned. È un territorio difficile, e le condizioni atmosferiche hanno giocato un ruolo determinante in cosa e quando potevo fotografare. Lavorare con il collodio all’aperto richiede certe condizioni (come un vento inferiore a 15 miglia orarie) che sono ininfluenti utilizzando la pellicola.
Il deserto di sale è un lago prosciugato, l’esatto opposto dei miei precedenti lavori. Quest’aspetto mi interessava molto, soprattutto perchè c’è un effetto miraggio che fa sembrare acqua la terra vista da lontano.

HB - Ho anche l’impressione che la tua visione si sia progressivamente allargata attarverso i vari lavori, un ampliamento del campo visivo dagli Ocean Details alle vedute a perdita d’occhio di The Salt Effect.

JS - È vero. Ho cominciato a lavorare sul paesaggio con una prospettiva chiusa, concentrandomi sulla superficie e sul movimento come espressione di emozioni.

HB - Ti senti parte di un movimento per la fotografia alternativa oppure credi non esista nulla del genere?

JS - Non so se esiste un movimento per la fotografia alternativa, ma se ci fosse allora forse andrebbero anche fatte delle azioni di guerriglia per togliere la fotografia digitale dalle mani del mercato e metterla in quelle dei fotografi.

HB - Quali sono gli autori che ti hanno ispirata maggiormente?

JS - Ci sono tanti artisti e fotografi di cui ammiro il lavoro: Muybridge, Misrach, Vija Celmins, August Sander, per fare qualche nome.

1 comment:

logu said...

grazie Hippolyte è un articolo interessantissimo e le foto sono grandiose!